custodia.org proterrasancta.org cmc-terrasanta.com terrasanta.net edizioniterrasanta.it pellegrinaggicustodia.it
iscriviti alla nostra newsletter
Dona il tuo 5 per mille
2011
radiovaticana.org

Memoria di Santa Chiara. Il Papa: tutta la Chiesa è debitrice a donne coraggiose e ricche di fede come lei

Oggi la Chiesa celebra la memoria di Santa Chiara d’Assisi. Il Papa – nell’udienza generale del 15 settembre dell’anno scorso l’ha definita “una delle Sante più amate”: “la sua testimonianza – ha affermato Benedetto XVI – ci mostra quanto la Chiesa tutta sia debitrice a donne coraggiose e ricche di fede come lei, capaci di dare un decisivo impulso per il rinnovamento”.

Di Chiara d’Assisi il Papa ricorda il momento forte della conversione, avvenuta 800 anni fa: di nobile e ricca famiglia e destinata dai genitori ad un matrimonio con un importante esponente dell’aristocrazia, Chiara lascia tutto e si reca da San Francesco nella Porziuncola. Era la sera della Domenica delle Palme del 1211:

“Nella commozione generale, fu compiuto un gesto altamente simbolico: mentre i suoi compagni tenevano in mano torce accese, Francesco le tagliò i capelli e Chiara indossò un rozzo abito penitenziale. Da quel momento era diventata la vergine sposa di Cristo, umile e povero, e a Lui totalmente si consacrava”. 

Chiara ha in Francesco d’Assisi non solo un maestro ma anche un amico fraterno:

“L’amicizia tra questi due santi costituisce un aspetto molto bello e importante. Infatti, quando due anime pure ed infiammate dallo stesso amore per Dio si incontrano, esse traggono dalla reciproca amicizia uno stimolo fortissimo per percorrere la via della perfezione. L’amicizia è uno dei sentimenti umani più nobili ed elevati che la Grazia divina purifica e trasfigura”.

Vive 40 anni nel Convento di San Damiano in totale povertà svolgendo i lavori più umili nonostante sia la superiora. Chiara si nasconde ma la sua luce illumina tutto il mondo:

“Ed è proprio così, cari amici: sono i santi coloro che cambiano il mondo in meglio, lo trasformano in modo duraturo, immettendo le energie che solo l’amore ispirato dal Vangelo può suscitare. I santi sono i grandi benefattori dell’umanità!”.

Il Papa cita le parole di Chiara a sant’Agnese di Praga, figlia del re di Boemia, che ne segue le orme, laddove parla di Cristo, suo diletto Sposo, “con espressioni nuziali – rileva Benedetto XVI – che possono stupire, ma che commuovono”: 

“Amandolo, siete casta, toccandolo, sarete più pura, lasciandovi possedere da lui siete vergine. La sua potenza è più forte, la sua generosità più elevata, il suo aspetto più bello, l’amore più soave e ogni grazia più fine. Ormai siete stretta nell’abbraccio di lui, che ha ornato il vostro petto di pietre preziose… e vi ha incoronata con una corona d’oro incisa con il segno della santità” (Lettera prima: FF, 2862)”.


» radiovaticana.org
© 2011 Terra Sancta blog   |   privacy policy
custodia.org    proterrasancta.org    cmc-terrasanta.com    terrasanta.net    edizioniterrasanta.it    pellegrinaggicustodia.it