Dona il tuo 5 per mille
2016
custodia.org

La classe di Catechismo si prepara alla Settimana Santa

Due bambini risalgono Via San Francesco nella Città Vecchia di Gerusalemme, entrano dal portone del Convento San-Salvatore per andare al Catechismo domenicale. In Israele e Palestina, la Custodia di Terra Santa svolge il servizio pastorale in varie Parrocchie della Diocesi latina di Gerusalemme. Alcune sono precedenti alla riapertura del Patriarcato latino del 1847: Gerusalemme, Betlemme, Nazareth, ma anche Giaffa, San Giovanni d’Acri, Cana, Ramleh e Gerico.

Fra Ayman Bathish è già nel cortile della Scuola di Terra Santa e saluta i piccoli uno a uno. Per creare l’atmosfera, il frate ha scelto un canto di lode dal ritmo cadenzato. « Per noi, al Catechismo della domenica, il Vangelo racconta quello che è successo qui – spiega Fra Ayman – . Quando domando di Gesù ai bambini, non è tanto sui testi evangelici, ma sui luoghi che sono per loro famigliari. Qui, li visitiamo, li vediamo e li tocchiamo ».

I bambini, dai cinque ai dieci anni, sono quarantacinque in totale. La domenica, nel Tempo Ordinario, arrivano alle 8,30 e incominciano a fare sport. Una breve preghiera annuncia l’inizio del Catechismo, in gruppi divisi per età. Poi, tutti partecipano alla Messa, anche i meno entusiasti. Durante i Tempi Straordinari, l’ultima Domenica di Quaresima, il frate e i suoi dieci collaboratori, hanno scelto un approccio pedagogico alternativo: recarsi al Santo Sepolcro per parlare, tra l’altro, della Resurrezione.

I turisti che visitano la Città Vecchia sono sorpresi alla vista dei piccoli pellegrini locali che si recano alla Basilica della Resurrezione. « Davanti alla Basilica, ai bambini seduti sulla scalinata della cappella dei Franchi, è stata illustrata la storia del Santo Sepolcro e letto il Vangelo della Resurrezione ». Al Golgota, i bambini sono stati attenti e tranquilli davanti alla Croce. « Abbiamo pregato per le famiglie, le vittime delle persecuzioni e per la pace », precisa il frate.

Appena scesi, i bambini hanno ripreso il loro ritmo più vivace. « Bisogna dire che c’è stato qualche tentativo di fuga nelle stradine dei loro quartieri in Città Vecchia, ma questo è normale. Altri, una volta sul posto, avrebbero voluto fare la visita al Santo Sepolcro da soli. A quest’età non è certo la creatività che manca ».

La preparazione alla Settimana Santa e alla Pasqua si è fatta in diversi tempi, con uno o due temi per ogni domenica: il digiuno e la preghiera, il sacramento della confessione, gli atti di misericordia e la resurrezione. « Davanti alla Pietra dell’Unzione, abbiamo parlato di Giuseppe d’Arimatea e di come dobbiamo accogliere Gesù. Insistendo non soltanto sulla preghiera, ma anche sui gesti d’amore quotidiani, seguendone l’esempio ».

La tappa successiva è stata la Tomba di Gesù, con una semplice spiegazione sulla Resurrezione e sul suo significato, seguita da un momento di preghiera. « Dopo la foto di gruppo davanti all’Edicola, alcuni sono rimasti a pregare più a lungo, altri hanno voluto accendere delle candele, giocando con il fuoco ».

« Va notato che questi bambini vengono spesso in chiesa da soli, senza i loro genitori – confida il frate – anche quando non c’è Catechismo domenicale né giochi organizzati. Il messaggio di essere vicini a Gesù, di ascoltare le Sue parole del Vangelo, cercando di vivere come i primi cristiani, arriva dolcemente ai bambini. Non voglio che imparino a memoria, ma desidero che facciano nascere in loro l’amore per Gesù e la conoscenza personale di Dio ».

N.H.

» custodia.org
© 2011 Terra Sancta blog   |   privacy policy
custodia.org    proterrasancta.org    cmc-terrasanta.com    terrasanta.net    edizioniterrasanta.it    pellegrinaggi.custodia.org