Dona il tuo 5 per mille
2016
custodia.org

Francescani della Provincia Egiziana della Santa Famiglia visitano la Terra Santa

Da mercoledì 25 Febbraio a giovedì 5 Marzo, un gruppo di Francescani venuti dall’Egitto ha visitato la Terra Santa. Questa visita – che occupa un posto importante nella Formazione Permanente dei francescani lungo tutta la loro vita – è stata organizzata da Fra Ibrahim Faltas, l’attuale Economo della Custodia di Terra Santa, anch’egli egiziano.

Fra Kamaal William, Superiore del Convento di Sant’Antonio a Daher e responsabile della Formazione Permanente, spiega: « Questi venticinque frati egiziani visitano per la prima volta la Terra Santa, così com’è la prima volta che è organizzata una visita». I venticinque Francescani (tra cui due accompagnatori) erano per la maggioranza dei giovani frati, con meno di 10 anni di professione solenne. « Seguono un programma di Formazione su misura che poggia sulla visita dei Luoghi Santi », ha precisato Fra Kamaal.

I frati si sono recati a Betlemme, Nazareth e Gerusalemme. « Lo scopo era quello di fare un’esperienza biblica: avvicinarci ai Luoghi Santi tramite i Vangeli, nel contesto geografico dell’insegnamento di Cristo. Come Francescani egiziani, non possiamo separare l’Egitto dalla Terra Santa. Anche l’Egitto è una Terra Santa poiché è il Paese che ha accolto la Sacra Famiglia. Per questo la nostra Provincia francescana prende il nome Santa Famiglia! » ha proseguito Fra Kamaal.

Fino al 1992, la Custodia di Terra Santa aveva la responsabilità di tutta la Regione a Nord del Cairo, mentre la Regione dal Cairo fino a Assuan, era affidata alla Provincia della Toscana. Dal 1992, i Conventi dell’Egitto si sono raggruppati nell’unica Provincia della Santa Famiglia, eccetto il Convento di Musky che appartiene alla Custodia. La Custodia conta nove frati Egiziani in servizio in Egitto o altrove.

« Se dovessi riassumere il mio soggiorno – ha concluso Fra Kamaal – direi che è stata un’esperienza spirituale biblica profonda, che ha toccato fortemente ogni frate e spero che questo influirà sulla loro vocazione ».

Il soggiorno di Fra Danial el-Tayyeb, Parroco della chiesa San Giorgio dei Copti cattolici a Luxor, è un sentimento misto di tristezza e gioia. « Immaginate, ho camminato sulla terra che è stata toccata da Cristo – confida Fra Danial a bassa voce. Tutto ciò che ho visto testimonia la presenza di Gesù. È un’esperienza folgorante. Parlare della Terra Santa è una cosa, ma esserci e viverla è un’altra! ».
« Quando ci si abitua a vivere nei Luoghi Santi, religiosi o laici, a volte si perdono di vista la spiritualità e il significato della loro santità – prosegue il frate. A Gerusalemme, si vede fino a che punto le tre religioni desiderano l’incontro con Dio. Siamo andati al muro del pianto, ho visto come gli Ebrei pregano con tutto il loro cuore e abbiamo visto il fervore dei Musulmani che anch’essi pregano Dio. È vero, la situazione è difficile, il corpo spesso sovrasta lo spirito, l’uomo è debole. È in questo momento che la misericordia di Dio appare. Da quando ho toccato questa terra, ho provato una profonda scossa interiore ».

« Nonostante la difficile situazione nel Paese, i frati sono certi dell’amore di Dio per tutti gli esseri umani… Chi non ha visitato la Terra Santa, se ne ha i mezzi, deve spendere fino al suo ultimo geneh (Lira egiziana) per venire. Ma tutti quelli che non potranno venire, saranno anch’essi nell’amore di Dio ».

N.H.

» custodia.org
© 2011 Terra Sancta blog   |   privacy policy
custodia.org    proterrasancta.org    cmc-terrasanta.com    terrasanta.net    edizioniterrasanta.it    pellegrinaggi.custodia.org