Dona il tuo 5 per mille
2015
custodia.org

Ordinazioni della Custodia: un dono di Dio per la Chiesa

La chiesa di San Salvatore era stracolma il 29 Giugno, per celebrare la festa dei Santi Pietro e Paolo e le ordinazioni dei dieci frati francescani: sei Sacerdoti e quattro Diaconi.
Alcuni di loro appartengono alla Custodia di Terra Santa, altri, inviati dalle loro Diocesi, ripartiranno.
Non tutti conoscono ancora la missione che sarà loro affidata per l’anno in corso o i prossimi anni.

Fra Mario ofm, viene dal Messico e dopo quattro anni a Gerusalemme, sta preparandosi a rientrare nel suo Paese. « Studiare qui, con studenti provenienti da tutto il mondo è un’esperienza molto arricchente. Permette di scoprire la realtà delle altre Province e sperimentare l’universalità dell’Ordine dei Frati minori. Vivere in Terra Santa è l’occasione per conoscere meglio le Sacre Scritture ».
L’accoglienza di studenti stranieri consente alla Custodia di sensibilizzare i frati di altre Province sull’importanza della sua missione: la custodia dei luoghi santi. « Vorrei chiedere la licenza per accompagnare i gruppi in pellegrinaggio. Vivendo qui, ho conosciuto bene la realtà della Custodia e delle sue opere, in questo modo potrò trasmetterle anche in Messico! », aggiunge Fra Mario.

Tra i nuovi Diaconi, Fra Andrew è il più conosciuto dai pellegrini. Da quindici anni Sagrestano al Santo Sepolcro, ha chiesto di diventare Diacono permanente, in quest’anno dedicato alla vita consacrata.
« Mi permette di servire Dio, la Chiesa e le persone ». Fra Andrew ha studiato Teologia dai Salesiani e potrà esercitare, ancor meglio, il suo ministero al Santo Sepolcro, servendo i pellegrini del mondo intero che arrivano numerosi per la celebrazione delle messe.

La festa è iniziata la vigilia con i primi vespri. La sera è stata organizzata un’ora di adorazione e preghiera per le vocazioni e invocare lo Spirito Santo per le ordinazioni.

La Messa è stata presieduta da Sua Beatitudine Mons. Fouad Twal, Patriarca di Gerusalemme. Erano presenti il Delegato apostolico, Mons. Giuseppe Lazzarotto, i rappresentanti delle varie Chiese cristiane di Gerusalemme, numerosi Sacerdoti. Un profumo d’incenso si spandeva nell’aria e il calore di giugno è stato alleviato da ventilatori sistemati in vari punti della chiesa.
Durante la litania dei Santi, i dieci frati si sono prostrati a faccia in terra, davanti alla commossa assemblea inginocchiata. Con un sorriso gioioso e sereno, i Diaconi hanno ricevuto il Vangelo da annunciare e i loro abiti liturgici. I Sacerdoti hanno ricevuto l’unzione sul palmo delle mani e il calice.
I concelebranti, dopo il Patriarca, hanno potuto imporre loro le mani e poi esprimere la loro gioia con un abbraccio fraterno.

Nell’omelia, Sua Beatitudine Mons. Fouad Twal, ha sottolineato i grandi impegni, le responsabilità e i sacrifici legati alla scelta di questa missione così “contro-corrente” nell’attuale società. « La Chiesa mette a vostra disposizione vari mezzi per adempiere la vostra missione: c’è una croce da portare, un’incomprensione da sopportare e un abito francescano da indossare, con tutte le conseguenze che ciò comporta ». In questo contesto difficile, i nuovi ordinati sono chiamati ad una maggiore prova d’amore, di perdono e di giustizia. « La vostra ordinazione di oggi è il risultato di numerosi anni di studio, di esperienze, di conoscenze umane e di una grande preparazione. Ma è anche un punto di partenza responsabile e cosciente, una partenza a dimensione internazionale, come Gerusalemme, che abbraccia e accoglie tutti i credenti ». Il Patriarca latino di Gerusalemme ha concluso dicendo: « Le vostre ordinazioni sono un dono di Dio alla Custodia e un dono della Custodia alla Chiesa locale e universale ».

Il Padre Custode, Fra Pierbattista Pizzaballa ofm, ha terminato la celebrazione ringraziando particolarmente le famiglie per aver donato i loro figli all’Ordine e alla Chiesa.
L’assemblea ha fatto gli auguri ai dieci neo-ordinati, baciando le loro mani e ricevendo benedizioni. Le famiglie, gli amici, i cristiani di Gerusalemme e del mondo, francescani e religiosi di altre congregazioni hanno gioito insieme. Tutti sono stati invitati a un aperitivo allestito nell’atrio della Curia.

La sera del 29 giugno, i Secondi Vespri solenni dei Santi Pietro e Paolo, sono stati presieduti dai dieci neo-ordinati. In quest’occasione, hanno indossato i paramenti liturgici donati alla Custodia dal Re di Francia Luigi XIII (XVII secolo).

Hélène Morlet

Sono stati ordinati

Sacerdoti
Fra Ulise Zarza – Argentino, Custodia di Terra Santa
Fra David Grenier – del Quebec (Canada), Custodia di Terra Santa
Fra Filip Durdevic – Croato, Provincia dei Santi Cirillo e Metodio, in Croazia
Fra Alberto Joan Pari – Italiano, Custodia di Terra Santa
Fra Mario Berumen Mercado – Messicano, Provincia di San Francesco e di San Giacomo, in Messico
Fra Filiberto Dorantes Rodriguez – Messicano, Provincia di San Francesco e di San Giacomo, in Messico

Diaconi
Fra Bozo Saraf – Croato, Provincia dei Santi Cirillo e Metodio, in Croazia
Fra Andrew Ako-Hayford – del Gana, Custodia di Terra Santa
Fra Hugo Pérez Villasana – Messicano, Provincia di San Francesco e di San Giacomo, in Messico
Fra Rodolfo Ramírez De La Torre – Messicano, Provincia di San Francesco e di San Giacomo, in Messico

» custodia.org
© 2011 Terra Sancta blog   |   privacy policy
custodia.org    proterrasancta.org    cmc-terrasanta.com    terrasanta.net    edizioniterrasanta.it    pellegrinaggi.custodia.org