Dona il tuo 5 per mille
2015
custodia.org

A Betlemme per imparare ad amare la lettura

Lunedì 23 marzo, presso il teatro del Terra Santa School di Betlemme, è stato inaugurato il Salone del libro, aperto al pubblico fino a giovedì 26 marzo.
Gli studenti, posizionati in luoghi strategici, hanno indicato ai visitatori la strada più rapida per raggiungere il teatro. Davanti a un pubblico numeroso sono stati conferiti i premi ad autori e personalità dell’ambiente accademico e letterario. Erano presenti Vera Baboun, Sindaco di Betlemme, Shoqi al-Issa, Ministro degli Affari Sociali, Issa Qaraqe’, Ministro incaricato del dossier dei detenuti, Nisreen Omro, Direttrice dell’Educazione nel Distretto di Betlemme, Fra Marwan Di’des ofm, Direttore della Scuola e Segretario delle scuole della Custodia di Terra Santa.

Fra Marwan ha brevemente illustrato la storia e le novità del Salone del Libro.
« Quest’anno, con il sostegno della casa editrice Dar il-joundi, il Salone offre una selezione di 40.000 titoli. Contrariamente alle apparenze, l’inaugurazione del Salone non è un semplice evento, ma la conclusione di un percorso durato quattro mesi, durante i quali i ragazzi per fascia di età sono stati introdotti alla lettura di un libro. »
Secondo Fra Marwan, l’iniziativa più importante è quella di incoraggiare giovani e meno giovani, alla lettura e allargare i propri orizzonti, fattori indispensabili per la maturità intellettuale di ogni allievo. Accanto a questo progetto culturale, la Terra Santa offre anche corsi di ricerca documentaria, un supporto necessario per imparare la tecnica della ricerca scientifica, metodo che affina lo spirito critico e culturale.

« Con la preparazione degli allievi e l’inaugurazione del Salone inizia la terza tappa del progetto intitolato Betlemme che legge ». Con l’aiuto degli studenti della Scuola di Terra Santa, l’iniziativa si augura di diffondere il dibattito culturale in altre scuole, creando poli di lettura dove gli allievi potranno discutere i vari argomenti trattati nei libri letti.
« Il Salone del Libo, non è un fine, ma un mezzo e i suoi risultati dovranno essere valutati tra un anno », dichiara il frate francescano.

Nella lunga corsia del Salone, i libri traboccano sui tavoli. Copertine con grafica e titoli accattivanti rallentano il passo dei visitatori. « Non biasimo i ragazzi d’oggi, aggiunge il frate, che vivono al ritmo di messaggini, trasformando l’arabo in lettere latine abbreviate e dipendono dal mondo virtuale che sollecita continuamente la loro attenzione. Ciò nonostante la formazione individuale deve attingere sia alle fonti culturali sia a quelle d’informazione ».

La relazione tra lo studente e il libro è del tutto personale. « Come per ogni amicizia essa va coltivata per consolidarsi e accompagnare così ciascuno per tutta la vita», conclude Fra Marwan.

Nizar Halloun

» custodia.org
© 2011 Terra Sancta blog   |   privacy policy
custodia.org    proterrasancta.org    cmc-terrasanta.com    terrasanta.net    edizioniterrasanta.it    pellegrinaggi.custodia.org