Dona il tuo 5 per mille
2015
custodia.org

La speranza al centro dello scambio di auguri con le Chiese ortodosse!

Venerdì 9 gennaio, nelle strade vuote della Città Vecchia disertate dagli abitanti per il freddo e la pioggia, è risuonato l’eco dei bastoni dei kawas, che precedevano la processione dei religiosi.
Le Chiese di Gerusalemme si sono recate da un Patriarcato all’altro, per il tradizionale scambio degli auguri natalizi.
Gli ortodossi, che seguono il Calendario Giuliano, mentre l’Occidente ha adottato il Gregoriano, hanno celebrato Natale il 7 gennaio.

Secondo la tradizione locale, le Chiese cattoliche e protestanti hanno presentato i loro auguri nei giorni successivi alla festività. Il medesimo rituale, ma in senso inverso, era stato eseguito dagli ortodossi all’indomani del Natale cattolico.

Numerosi frati francescani hanno accompagnato il Custode di Patriarcato in Patriarcato.

La prima tappa è stata la sede del Patriarcato greco. Il Patriarca Teofilo III, circondato da innumerevoli archimandriti e sacerdoti, ha ricevuto i frati minori nel maestosodiwan.
Parlando della virtù della speranza, il Custode ha rimarcato quanto la Natività sia: «La risposta di Dio alle nostre attese. Dio non è lontano da noi. È alla porta del nostro cuore e bussa. Il Dio-con-noi è la risposta alle nostre angosce».

Padre Pizzaballa ha affermato ancora una volta quanto il Medio Oriente ha bisogno di questo messaggio di salvezza, che i cristiani di Terra Santa devono testimoniare con la loro vita. «La missione dei cristiani nei Luoghi Santi deve rimanere e noi ci auguriamo che il dialogo costruttivo tra le nostre due Chiese possa continuare a servire i fedeli locali e i pellegrini » ha auspicato il Custode.

Dopo la risposta del Patriarca, che ha precisatocome la missione dei capi spirituali cristiani sia quella di mantenere la santità dei luoghi dell’Incarnazione e della Redenzione, gli ospiti degli ortodossi hanno ascoltato i canti orientali interpretati da un coro liturgico venuto da Acri.
Gli auguri alla Chiesa greco-ortodossa, hanno confermato ancora una volta la relazione calorosa e fraterna che unisce cattolici e ortodossi.

I francescani si sono poi recati al Patriarcato etiope, per ripetere lo stesso rituale. Per la prima volta, come precisato dal Custode, gli auguri di Padre Pizzaballa sono stati pronunciati in ebraico, prima di essere tradotti in amarico, la principale lingua dell’Etiopia. La risposta del Patriarca è stata in etiope, tradotta in ebraico e ancora in italiano dal Custode per gli altri frati.

Il responsabile della Chiesa etiope ha orientato la sua risposta sulla necessità della testimonianza: «Siamo coloro che hanno ricevuto il messaggio di unità e di comunione portato dall’Incarnazione di Cristo. Dobbiamo testimoniarlo con la nostra vita. Il Signore ci dia la sua forza affinché la nostra testimonianza sia efficace ».

Il terzo scambio di auguri, sempre in atmosfera distesa e conviviale, è statodai Copti. Il Custode e il Patriarca hanno ricordato la povertà dei cristiani di Terra Santa, ma anche l’importanza della continuità della loro presenza di fronte alle numerose minacce. Il prelato copto ha sottolineato la buona intesa esistente tra Papa Francesco e il Papa copto Theodoros.

Cioccolata, liquori e caffè sono stati degustati velocemente, poiché i francescani erano attesi dai siriaci, ultima tappa del loroscambio di auguri.

Di fronte al pericolo dello Stato islamico e all’esilio dei cristiani dall’Iraq e dalla Siria, il futuro della presenza cristiana in Terra Santa è stato ancora una volta al centro dei discorsi. Il Patriarca siriaco ortodosso ha detto chiaramente: «Non abbiamo paura! L’Incarnazione di Dio ha riconciliato il cielo e la terra; dobbiamo approfittare di quest’unione che non passerà mai! Preghiamo affinché ci sia donata la grazia di Dio per continuare la nostra missione nei Luoghi Santi! ».

I francescani sono poi ripartiti in processione verso il Convento di San Salvatore, sotto la neve, caduta per l’occasione. «Gli ortodossi potranno dire che è arrivata per autentificare la data del loro Natale !», ha commentato con un certo umorismo il Custode.

Il sabato precedente, il Nunzio e Delegato apostolico era stato a pranzo dai francescani.

Nicolas Kimmel

» custodia.org
© 2011 Terra Sancta blog   |   privacy policy
custodia.org    proterrasancta.org    cmc-terrasanta.com    terrasanta.net    edizioniterrasanta.it    pellegrinaggi.custodia.org