2012
radiovaticana.org

Gli Ordinari cattolici di Terra Santa: basta con la tratta di esseri umani nel Sinai

“Profonda preoccupazione per la tragica situazione dei richiedenti asilo africani, tenuti in ostaggio nel Sinai” da pericolose bande di trafficanti criminali. La esprime l’Assemblea degli Ordinari cattolici di Terra Santa, riunitasi nei giorni scorsi a Nazareth, che ha pubblicato ieri un comunicato al riguardo, diffuso dall’Agenzia Habeshia per la cooperazione allo sviluppo, da tempo al fianco dei profughi del Sinai. Nel documento si chiede “di porre fine immediatamente alla tratta di esseri umani” in corso da anni in nord Africa e si denunciano “gli abusi, le umiliazioni, le torture, gli stupri e gli omicidi” a cui i profughi – per lo più eritrei, etiopi e somali – sono sottoposti. Un appello, quello dei leader cattolici di Terra Santa, rivolto sia alle autorità di Egitto e Israele sia alla comunità internazionale, affinché venga rispettato il diritto umanitario internazionale, tutelando “la dignità e l’integrità fisica e psicologica” dei migranti. Tra i 21 firmatari del documento, oltre al Patriarca latino di Gerusalemme, mons. Fouad Twal, anche padreDavid Neuhaus, vicario patriarcale per la Comunità dei cristiani cattolici di lingua ebraica. Giada Aquilino lo ha raggiunto telefonicamente a Gerusalemme:  

R. – Siamo molto costernati per queste povere persone che si trovano nel Sinai. Abbiamo pubblicato questa denuncia affinché il mondo non dimentichi. Nella dichiarazione abbiamo ricordato quanto il Papa stesso ha detto al riguardo nel dicembre del 2010. La situazione purtroppo non è migliorata. Noi abbiamo voluto sottolineare il destino di queste persone per aiutarle. Non abbiamo tanti mezzi a disposizione, se non la voce per gridare al mondo e alle autorità in Egitto e in Israele di fare qualcosa per questa situazione difficilissima.

D. – Si tratta di eritrei e di altri africani che da mesi, se non da anni ormai, sono vittime di trafficanti e criminali. Dalle notizie che avete, quali sono le loro condizioni di vita?

R. – Siamo in contatto con la ong che lavora con queste persone. C’è una bravissima suora comboniana, suor Azezet, eritrea che vive qui, tra Palestina e Israele. Lei ha già raccolto mille interviste di persone che sono giunte in Israele dal Sinai, per sapere esattamente che cosa sta succedendo in quelle zone. Le persone sono torturate, minacciate. Abbiamo sentito anche di gente che è morta in questi campi. Una situazione totalmente inumana.

D. – Si parla di trafficanti, uomini che sfruttano questi migranti…

R. – Loro sono dei criminali che trafficano armi, droghe e che ora hanno scoperto una nuova fonte di denaro. Succede questo: un gruppo di migranti arriva, viene catturato da questi criminali e alcuni dei rapiti vengono mandati in Israele, dove in effetti vogliono arrivare per chiedere asilo. In un secondo tempo, i criminali chiedono loro un riscatto per gli altri prigionieri rimasti, affinché anche questi vengano lasciati liberi.

D. – Ci sono testimonianze anche di traffico di organi?

R. – Ne abbiamo sentito parlare. Non ci sono prove che il traffico di organi ci sia realmente, ma comunque il rischio esiste. Le persone che lavorano nell’assistenza ai migranti stanno cercando di scoprire la verità su tale questione.

D. – Gli Ordinari cattolici di Terra Santa, come lei ha anticipato, rivolgono il loro appello alle autorità civili di Egitto e Israele: in che modo?

R. – Chiediamo prima di tutto alla polizia egiziana, all’esercito, alle autorità civili di mettere fine a questa attività criminale e che i profughi africani che giungono nel Paese vengano trattati con rispetto, secondo quanto affermato dal diritto internazionale. Chiediamo anche ad Israele che vengano scoperti quanti collaborano con questi elementi criminali nel Sinai. Infine, chiediamo alle autorità israeliane di permettere alle persone arrestate, perché entrate illegalmente nel Paese, di poter avere contatti con la Chiesa, affinché si possa dar loro consolazione spirituale per affrontare la situazione molto difficile. Noi sappiamo che in questi campi, in queste prigioni, ci sono anche dei bambini. Chiediamo di lavorare con loro: sono bambini traumatizzati dopo tutto ciò che hanno passato nel deserto, per arrivare qui.

D. – Ci sono dei dati su queste persone tenute in ostaggio?

R. – Non ci sono numeri precisi. Ma conosciamo dei dati per quanto riguarda Israele: migliaia di persone passano per il Sinai per provare ad arrivare nel Paese. La presenza eritrea in questo momento è molto vasta: ci sono decine di migliaia di persone che non hanno lo status di “profugo” ma sono inquadrate come “gruppo che chiede asilo” in Israele.

D. – Come aiutare queste persone?

R. – Dobbiamo raccontare questa storia a voce alta. E’ nostro dovere rivelare tale realtà disumana ed essere vicini a coloro che soffrono. (bi)

» radiovaticana.org
© 2011 Terra Sancta blog   |   privacy policy
custodia.org    proterrasancta.org    cmc-terrasanta.com    terrasanta.net    edizioniterrasanta.it    pellegrinaggi.custodia.org